Carsismo

Alessandro Giuliani 04/07/2017

I fiumi delle terre carsiche alternano fasi in cui scorrono nel sottosuolo e fasi in cui improvvisamente escono in superficie. La fede dei popoli è come un fiume carsico e ne ho avuto la prova in due viaggi che ho avuto modo di fare negli ultimi tempi...

Il bene di Charlie e la giustizia degli uomini

Giovanni Cogliandro 10/07/2017

In queste ore si sta decidendo sulla vita di Charlie. Vi proponiamo un contributo che ci aiuta a riflettere e ad agire per l'oggi ed il domani...

Disarmo

Fabio Cucculelli29/02/2016

Il termine si riferisce alla limitazione o all’abolizione degli armamenti bellici attraverso un complesso di norme relative al loro uso. Viene accostato al concetto di non violenza e costituisce uno snodo fondamentale della nascita e dello sviluppo del movimento pacifista e non-violento

Formenti, Populismi: pro e contro

Marco Bonarini 12/07/2017

Questo libro propone, in modo non ideologico, un'interessante e rigorosa analisi delle classi sociali nelle loro concrete esperienze di vita e di rappresentanza politica. A partire proprio dal lavoro dove il rapporto di forza tra capitalisti e lavoratori oggi si fa sentire con più forza

Intervista a Luciano Gallino: "Contro la precarietà. Una politica globale del lavoro"

Pubblichiamo di nuovo un'intervista a Luciano Gallino, scoparso lo scorso 8 novembre, apparsa su Formazione & Lavoro nel 2008. Vogliamo ricordare così uno dei più grandi sociologi italiani a cui spesso abbiamo fatto riferimento

Home | Dicembre 2015 Senso del vuoto
Dicembre 2015 Senso del vuoto
Pag. 1 di 1
  • Senso del vuoto

    E' possibile uscire dall'attuale crisi democratica?
  • Pensare di nuovo in grande

    Per risolvere la sua crisi la politica deve fare i conti con se stessa e ripensare gli oggetti della sua azione. La politica è quindi chiamata a una grande sfida: quella di sapersi ricostituire in agenzia di senso. Solo per questa via può tornare a pensare in grande
  • E' possibile superare la frammentazione?

    La politica intesa come ricerca del bene comune attraverso i partiti, può consentire di superare l’attuale momento caratterizzato da una visione frammentata dei rapporti sociali che punta alla dissoluzione delle forme della democrazia rappresentativa. Per superare questa impasse bisogna costruire un sistema più moderno ma rispettoso del nostro edificio costituzionale
  • Più poteri al leader? Sì, ma ad alcune condizioni

    La democrazia decidente che è il mantra che accompagna l’irresistibile avanzata degli zelatori della nuova Costituzione, è pensata come una democrazia di leader in competizione tra loro per vincere le elezioni e governare. Ma è possibile governere la personalizzazione della politica? Ci sono alemo due linee di intervento percorribili: porre limiti temporali al potere del leader e obbligarlo a fare squadra
  • Scommettere sulla società civile

    I corpi intermedi potranno evitare di scivolare nell’oblio affrontando con coraggio le questioni cruciali del nostro tempo e recuperando l’originaria vocazione di organismi di prossimità capaci di creare reti tra cittadini e istituzioni, tra domanda e offerta politica, sociale ed economica
  • L'irresistibile leggerezza della personalizzazione

    Per una convergenza di fattori sociali, istituzionali e comunicazionali, la personalizzazione del partito sta diventando un fenomeno strutturale delle democrazie contemporane. Una situazione che facciamo fatica a riconoscere, interpretare e accettare. Dobbiamo, invece, sforzarci di comprendere per contenere e disciplinare questo fenomeno; per imbrigliarlo nella volontà popolare, che deve restare il fondamento della democrazia
  • Il cittadino protagonista

    La politica, intesa nel suo significato originario di cura della cosa pubblica, può tornare ad acquisire un sapore differente solo se ogni cittadino viene chiamato in causa e torna ad essere protagonista della vita politica
  • In rete


Pag. 1 di 1