Croste: Bob Marley, Che Guervara, Padre Pio

Alessandro Giuliani 20/03/2017

Domenica scorsa mi sono soffermato a osservare una ‘contingente trimurti’ costituita dai ritratti affiancati di Bob Marley, Che Guevara e Padre Pio. Mi è subito venuto da pensare quale destino avessero avuto le ‘rivoluzioni’ evocate dai tre personaggi..

Populismo e clerico-grillismo

Claudio Gentili 21/04/2017

Forse è utile, in questo interessante momento di discernimento politico sulla proposta dei 5 Stelle, di rispolverare i principi cardine che fondano la dottrina sociale della Chiesa...

Disarmo

Fabio Cucculelli29/02/2016

Il termine si riferisce alla limitazione o all’abolizione degli armamenti bellici attraverso un complesso di norme relative al loro uso. Viene accostato al concetto di non violenza e costituisce uno snodo fondamentale della nascita e dello sviluppo del movimento pacifista e non-violento

Zucman, Ancora sui paradisi fiscali…!

Marco Bonarini 03/04/2017

Questo libro contiene una proposta molto interessante, che sta guadagnando consensi, perché coniuga una seria analisi con una proposta sufficientemente semplice da poter essere perseguibile se si avesse la volontà politica di risanare le finanze pubbliche depauperate dalle ricchezze nascoste nei paradisi fiscali...

Intervista a Luciano Gallino: "Contro la precarietà. Una politica globale del lavoro"

Pubblichiamo di nuovo un'intervista a Luciano Gallino, scoparso lo scorso 8 novembre, apparsa su Formazione & Lavoro nel 2008. Vogliamo ricordare così uno dei più grandi sociologi italiani a cui spesso abbiamo fatto riferimento

Home | Novembre 2015 Umano troppo umano
Novembre 2015 Umano troppo umano
Pag. 1 di 1
  • Umano troppo umano

    Quale discorso sull'uomo, oggi?
  • Il cinema a Firenze

    In vista del Convegno Ecclesiale di Firenze, la Commissione Nazionale Valutazione Film della Conferenza episcopale italiana ha promosso il progetto cinematografico: Proposte di visione in cammino verso Firenze. Un progetto, pensato per accompagnare la fase preparatoria e lo svolgimento del Convegno, prevede una serie di schede film ragionate e sviluppate su alcuni temi di portata sociale
  • Dalla bioetica globale al nuovo umanesimo

    Ho concluso poche settimane fa la mia esperienza al Comitato Internazionale di Bioetica dell’Unesco. Considero questi anni un grande privilegio e un’esperienza straordinaria, che mi ha dato l’opportunità di “pensare” le grandi questioni antropologiche della bioetica in una prospettiva più ampia e complessa di quella alla quale siamo abituati in Italia. I due Rapporti approvati nell’ultima sessione di Parigi ne sono una dimostrazione.
  • Umano, postumano, disumano

    Ogni generazione è chiamata a decidere la propria direzione di marcia, ritrovandosi di fronte ad una analoga scelta: ricercare la propria umanità, cercando di accettarne le fragilità e di esprimerne le potenzialità o lasciarsi tentare dal richiamo di un’umanità migliore e senza limiti, perfetta. Un bivio di fronte al quale scegliere tra umano e postumano. Un bivio che, troppo spesso, si traduce in un’alternativa tra umano e disumano
  • Umanesimo sovversivo

    Il cristianesimo vive tra due mondi. E' nel mondo ma non del mondo, è “già e non ancora”. Solo su questi presupposti risulterà credibile la proposta di un “nuovo umanesimo” in grado di non esprimere ideologie “umane troppo umane”, né interessi. Di ascoltare il grido dei deboli, di chi è nel bisogno. Perciò: un nuovo umanesimo, o sarà profetico, o non sarà
  • Rigenerare fiducia

    In un tempo di sfide molto aggressive, lacerato da spinte disumanizzanti e da deliranti, visioni di transumanesimo dove la tecnica ci salverà dalla morte, un nuovo umanesimo radicato in Cristo ci può aiutare ad attraversare un tempo difficile ma anche ricco di opportunità, con il metodo che ci Lui ci ha insegnato: uscire, lasciando senza voltarsi indietro, e camminare insieme guidati dal comandamento dell'amore, che li riassume tutti
  • Un cura rinnovata per l'educazione

    Educare, nella prospettiva cristiana, non è né un semplice regolare, né un solo lasciare spazio. Si tratta di accudire, sostenere, lasciar fare, consegnare ragioni di vita alla libertà dell’altro. La comunità credente deve promuovere un umanesimo della profondità, dell’altitudine, capace di scuotere e coivolgere gli animi. Un umanesimo della figliolanza, della fraternità, della fragilità, della generatività, della speranza, della trascendenza
  • La via della Trasfigurazione di Cristo

    L’arte è trasfigurazione della realtà e la stessa etimologia del verbo trasfigurare racchiude il “figurare”, ovvero creare un’immagine. Trasfigurare è andare oltre, e allude quindi al modo di guardare oltre: oltre la natura, oltre la materia, oltre la rappresentazione. Trasfigurare è alzare lo sguardo e contemplare il divino
  • Intervista a Stefano Zamagni: "Ri-umanizzare l'economia"

    Proponiamo un'intervista a Stefano Zamagni, professore ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna e Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University. Il noto economista da molti anni propone la prospettiva dell'economia civile nella convinzione che una buona società è frutto di un mercato che funziona e di processi che attivano la solidarietà da parte di tutti
  • In rete


  • Una chiesa in ricerca

    L’umanesimo alimentato d’interiorità e trascendenza, perché l’uomo è impastato di Dio. Saper ricercare un pensiero che aiuti a riscoprire le radici e far fiorire umanesimo trascendente. Oggi l’umano ha bisogno di tracce che permettano di intravvedere un Altro, non relegato nell’opzionale e neppure isolato oltre l’uomo stesso
Pag. 1 di 1