Elogio della chimica organica

Alessandro Giuliani 03/05/2017

Probabilmente molti lettori di Bene comune non hanno mai avuto l’esperienza di dover sostenere un esame universitario di chimica organica. Si sono persi una delle occasioni più rasserenanti e purificatrici che ci sia dato di esperire in questa vita...

La riforma dell’ONU e L’Europa come laboratorio di “statualità sostenibile”

Antonio Papisca
18/05/2017

Pubblichiamo la sintesi di un contributo del professor Antonio Papisca - morto lo scorso 16 maggio - apparso nel volume, curato da Lino Bosio e Fabio Cucculelli, "Costrure l'unità della famiglia umana. L'orizzonte profetico del Cardinale Pietro Pavan (1903-1994). Un modo per rendere omaggio a questo compagno di viaggio del nostro cammino verso il bene comune.

Disarmo

Fabio Cucculelli29/02/2016

Il termine si riferisce alla limitazione o all’abolizione degli armamenti bellici attraverso un complesso di norme relative al loro uso. Viene accostato al concetto di non violenza e costituisce uno snodo fondamentale della nascita e dello sviluppo del movimento pacifista e non-violento

Gargano, Il grido della Terra di fronte alle ingiustizie

Valentino Bobbio 25/05/2017

Gli incontri Celimontani dello scorso anno, promossi dalle monache e dai monaci camaldolesi di Roma, hanno affrontato il tema dell’economia, ossia della produzione, dell’accaparramento e della distribuzione delle risorse. Obiettivo: verificare le indicazioni della Sacra Scrittura per costruire spazi di giustizia in cui l’economia possa rispondere ai bisogni delle persone

Intervista a Luciano Gallino: "Contro la precarietà. Una politica globale del lavoro"

Pubblichiamo di nuovo un'intervista a Luciano Gallino, scoparso lo scorso 8 novembre, apparsa su Formazione & Lavoro nel 2008. Vogliamo ricordare così uno dei più grandi sociologi italiani a cui spesso abbiamo fatto riferimento

Home | La mente e il paracadute | Hipsters: L’entusiasmo per la ‘modernità’ è roba da vecchi?

Hipsters: L’entusiasmo per la ‘modernità’ è roba da vecchi?

Gli hipsters amano tutto ciò che è vecchiotto e odiano tutto ciò che è recente, ascoltano su dischi in vinile jazz anni 50-60...

Una delle tante grazie che si hanno ad avere delle figlie giovani è che si viene a conoscenza di piccoli ma istruttivi eventi di costume altrimenti preclusi a chi, come me, ha ormai superato da tempo i cinquanta.

Vi siete ad esempio mai chiesti chi sono quei ragazzi con lunghe barbe da profeta, occhiali tondi, giacche da esistenzialista e sguardo serio (la tenuta delle ragazze è molto simile tranne che per la barba) che ogni tanto incontrate per strada o sui mezzi pubblici? Sono gli hipsters (un termine mutuato dalla letteratura on-the-road americana degli anni cinquanta) e sono l’avanguardia ‘intellettuale’ delle mode giovanili…l’estensore di queste note, se avesse avuto trentacinque anni di meno, sarebbe stato probabilmente uno di loro.

Gli hipsters amano tutto ciò che è vecchiotto e odiano tutto ciò che è recente, ascoltano su dischi in vinile jazz anni 50-60, aborrono il kindle e il tablet, vanno in giro su vecchie biciclette con cambio Campagnolo sul telaio e si riuniscono in fumosi locali pieni di vecchi flipper, biliardini e antichi cartelloni pubblicitari del Campari a parlare di filosofia e bere cocktail ….osservano con sufficienza chi smanetta compulsivamente sullo smartphone e usano i social network non per postare selfie ma per scrivere oscuri testi psicologico-spirituali. Sono (visivamente almeno) simili ai modaioli medio-alto borghesi della generazione del dopoguerra, ai loro nonni insomma.

E’ una strana ribellione, certamente superficiale ma interessante, verso i loro genitori che non vedono l’ora di sfoggiare l’ultimo modello di smartphone e sempre connessi al loro gruppo Facebook o Twitter…

Sicuramente si tratta di una tendenza iper-metropolitana e di nicchia ma è, a mio avviso, un segnale culturale potenzialmente dirompente. Oscuramente questi ragazzi cercano di ‘recuperare il filo’ esattamente dove si è perso, a livello dell’ultima generazione in cui ciascuno faceva il suo mestiere: i padri facevano i padri, amavano le loro madri e i figli potevano sanamente fare i loro esperimenti sapendo di avere una rete di protezione. Quei bamboccioni sciagurati dei loro genitori che a cinquanta e più anni parlano ancora di ‘ritrovare sé stessi’ e inseguono una falsa modernità fatta di gadget elettronici, personal trainer e chirurgia estetica non sono visti bene da questa comunità.

La cosa affascinante è che da qui sembra formarsi il bozzolo di una nuova consapevolezza sui valori fondamentali; a chi ha stomaco forte e dimestichezza con un certo santo cinismo romano consiglio la visione di una piccola ma preziosa opera proveniente da quel mondo.

Poi, se volete, fatemi sapere….

Stampa l'articolo pdf icon

Condividi:


Segui benecomune.net rss


Leggi gli altri articoli pubblicati in La mente e il paracadute

Elogio della chimica organica Alessandro Giuliani 03/05/2017

Croste: Bob Marley, Che Guervara, Padre Pio Alessandro Giuliani 20/03/2017

la buona scuola (quella vera) Alessandro Giuliani 31/01/2017

Verità e post-verità Alessandro Giuliani 20/12/2016

Dettagli luminosi Alessandro Giuliani 25/10/2016

A che punto è la notte? Alessandro Giuliani 19/09/2016

Il pastore ideale Alessandro Giuliani 03/08/2016

Liberare i prigionieri, curare gli ammalati Alessandro Giuliani 28/06/2016

Il fattaccio Alessandro Giuliani 25/05/2016

Essere o non essere... anticonformista Alessandro Giuliani 22/04/2016