Chiudi questa finestra


Dimmi la verità

Islam e Occidente tra finzioni, dogmi e realtà 

5/2015

In difesa dei valori negoziabili

E' possibile il primato dell'etica nel risparmio e negli investimenti?

4/2015

Anime nere

La legalità è cosa nostra

Si può contrastare il fenomeno mafioso?

3/2015

Questione di classe

Cosa è oggi l'istruzione pubblica?

2/2015

Mano visibile

Accordo TTIP: le multinazionali manovrano contro i diritti dei cittadini?

1/2015

Qualcosa di personale

I partiti e la democrazia nelle mani dei leader

12/2014

Nelle mani giuste

Riabilitare il lavoro manuale e la formazione professionale

11/2014

R.I.P. Riposi in pace. Amen

Per risvegliare una cultura della pace

10/2014

Per un pugno di euro

È difficile colpire la corruzione in Italia

9/2014

Start (me) up

Innovare, creare e generare lavoro buono e giusto

Numero 07-08/2014

Qualcosa del genere

Per non essere approssimativi sulle differenze tra maschi e femmine

Numero 06/2014

Testa o croce?

L'euro tra buone ragioni e contestazioni

Numero 5/2014

Non gioco più...

Cittadini mobilitati contro il gioco d'azzardo

Numero 4/2014

Diverso come me

Lo straniero è qualcosa d'Altro?

Numero 3/2014

Che Casinò!

Quando l'economia è ridotta a un casinò vuol dire che le cose non vanno affatto bene (J.M. Keynes)

Numero 2/2014

Stato di necessità: accampato su una fiat 500

Stato di necessità

Lo Stato italiano non dispone ancora di una misura di contrasto della povertà

Numero 1/2014

Del Porcellum non si butta via niente

Riflessioni sulla legge elettorale

Numero 0/2013

  • Un dialogo fondato sulle differenze

    Maryam Turrini 12/05/2015

    L'articolo, frutto della collaborazione della sezione giovani della Co.Re.Is, mostra tutta la ricchezza e l'impegno dei giovani musulmani che vivono in Italia impegnati concretamente in un dialogo interreligioso fondato sulla conoscenza della propria religione e sul profondo rispetto della religione cristiana e di quella ebraica.   

  • Il dovere della conoscenza

    Gabriele Tecchiato 12/05/2015

    Per erigere solidi ponti di dialogo, occorre prima fortificare gli argini, oggi più che mai friabili e franabili, della conoscenza e dell’acculturazione. La conoscenza e il rispetto non è compito che spetta solo agli studiosi o ai mediatori, ma è dovere di ogni persona. E ancor di più di ogni credente, che deve farsi testimone, nella quotidianità, dell’insieme dei valori che sono rappresentati dalla sua fede e dal suo background culturale

  • L’Islam è "compatibile" con l'Occidente?

    Carmelina Chiara Canta 12/05/2015

    La chiave di lettura proposta è il dialogo, che valorizza il pluralismo delle due culture religiose, islamica e occidentale-cristiana. L’Islam non è un monolite, non può essere omologato al fondamentalismo, all'odio e alla violenza per cristiani e occidentali. Né, tantomeno, l’occidente è sinonimo di cristianesimo, democrazia, rispetto, diritti umani ed altro

  • Un lento cammino verso il bene

    Edoardo Scognamiglio 12/05/2015

    Ha ancora senso parlare di dialogo tra cristiani e musulmani oggi? Come giustificare le violenze dell’Isis non solo in Iraq? A queste domande comuni il dialogo interreligioso può ancora offrire delle risposte. Chi dialoga, infatti, si mette in gioco, crede nell’altro, spera in una umanità migliore, nel progetto di una fraternità universale dove gli uomini e le donne di ogni Paese e religione si scoprono amici, fratelli e sorelle.

  • Islam, Europa: un'occasione per comprendere...

    Gianni Bottalico 12/05/2015

    In un tempo in cui la politica sembra non più in grado di dibattere le grandi scelte in ordine alla pace, al lavoro, alla giustizia sociale, si apre per le Acli una fondamentale sfida culturale e di prospettiva per riaffermare il no alla logica dello scontro e per costruire una cultura del dialogo, unica via per un futuro di pace. E per far prevalere nel rapporto tra l'Europa e l'Islam, le ragioni della storia, della civiltà, rispetto a quelle di una geopolitica illusoria.

 
In rete

Intervista a LUCIANO GALLINO

 

Depositi di armi clandestini

Alessandro Giuliani 27/04/2015

La modernità non è un destino ineluttabile: esistono ovunque depositi di armi clandestini...

Pensioni, sentenza sbagliata

Marco Olivetti 19/05/2015

Proponiamo l'articolo di Marco Olivetti apparso ieri su Avvenire che offre un interessante commento alla sentenza della Corte Costituzionale che ha dichiarato costituzionalmente illegittima la decurtazione dell’adeguamento automatico all’evoluzione del costo della vita di tutte le pensioni aventi un valore superiore a tre volte il minimo.

Dialogo interreligioso

Andrea Casavecchia12/05/2015

Il dialogo è terreno di incontro e confronto tra soggetti diversi che non rinunciano alle loro caratteristiche e specificità, ma anzi trovano nella relazione con l’alterità una maturazione e una nuova conoscenza di sé. Le società multiculturali e multietniche portano il dialogo a essere una scelta di pace politica e civile

Ferragina, chi troppo chi niente

Fabio Cucculelli 21/05/2015

Un viaggio nell’Italia che paga ogni giorno il peso delle disuguaglianze; un’analisi, numeri alla mano, che vuole farsi anche progetto politico. Un invito alla riflessione personale e collettiva che dovrebbe generare voglia di partecipazione attiva al dibattito pubblico. Voglia di cambiare: per rendere il nostro paese più giusto, solidale ed efficiente

Becchetti: "Dare credito ai cittadini"

Proponiamo l'intervista a Leonardo Becchetti realizzata da Anna Piuzzi a margine della sua lectio magistralis "Fare politica col portafoglio e col mouse", tenutasi nell'ambito della proposta della Spes, e pubblicata su "La Vita Cattolica" di Udine